Covid-19(72), tra Musica e Colori

PROCESSI INVOLUTIVI

di Alberto Tebaldi ©2020

Sarò lieto di mettere il © copyright dell'autore di questa immagine


Covid-19(72), tra Musica e Colori

di Alberto Tebaldi ©2020


Il colore BIANCO e il colore NERO si comportano come due colori complementari, eppure sono due colori primari creatori del giallo e del blu.

La domanda è…

chi è il terzo colore primario?

La risposta è semplice. Anzi, direi semplicissima... il FUOCO!

Eh?

Te lo spiego meglio…

in musica (In musica? ...ma che sta a di’ questo?) è il colore ROSSO, che fa da ponte sull’asse d’inversione tra la tonalità manifesta e la tonalità occulta.

Uhm, non ti è ancora chiaro, ve'?

NO!

Bene, provo a spiegartelo con altre parole allora. Soprattutto a te, che sei ancora convinto che i colori nascano dalla LUCE (il che è parzialmente vero) perché così ti è stato insegnato all’asilo.

Ma io quel giorno ero assente, per fortuna!

D’altro canto le Leggi di polarità (...di?) implicano sempre la presenza di un luogo mediano, quel luogo/NON-luogo che l’Uomo stupido ha “consacrato” a luogo di equilibrio (il che è, ancora una volta, parzialmente vero).

Non capisco nulla!

Dunque, facciamo un po’ d’ordine.

Se il colore verde (Ora che c’entra il verde?) è in stretto rapporto metafisico con l’incontro-scontro tra LUCE e TENEBRA, ci sarà pure un motivo, non credi? Pensi che uno smeraldo non lo sappia?

ah, smeraldo...

Beh, è la realtà dei fatti… che ti piaccia o no.

Al che tu potresti legittimamente controbattere, affermando…

“Ma sì, fottiti realtà!“

(Soprattutto la realtà manipolata, aggiungerei io!).

Eh già, perché per quanta acqua si possa utilizzare per "estinguere un FUOCO", e per quanto il tiranno possa metterci tutto il proprio impegno, il risultato sarà sempre e inesorabilmente il rilascio dello SPIRITO in opposizione alla sedimentazione della sua stupidità (e chissà, forse anche della tua) sul fondo del tegamino.

Ci mancava il tegamino ora!

Ok, non ci sto capendo niente... Qual è il punto?

Tranquillo, può capitare di non vedere il PUNTO (in fondo, neppure chi guarda un enneagramma lo riesce quasi mai a vedere!).

Un enneache???

Dai, come dicevo poc’anzi (ma come parli?), non è grave…

...è gravissimo!

Perché, lasciatelo dire, il tuo ‘non capire’, che sia sintomo di mera ingenuità o di una totale cecità nei confronti del REALE (e REGALE, ma questo decisamente non puoi comprenderlo, chiedo scusa) comporta un passo indietro per tutta la specie, quella specie di cui fai parte e nei confronti della quale, che tu lo voglia o no, hai una responsabilità. Pertanto, come si fa a perdonare il tuo ‘non capire’? Non è possibile né concepibile poiché non ha nulla di sensato (neppure di biologico-sensato se è per questo!)... a meno che tu non rinsavisca d’improvviso e riesca a percepire come il numero 68 costituisca la sintesi del tuo ESSERE (o ESSERE REALE, per dirla alla Gurdjieff). Ma, ahimè, dubito che tu possa farlo! Non per niente, ma semplicemente perché se ci riuscissi “saresti” una sorta di "Illuminato", il che non è proprio possibile perché legare balle di paglia (e non solo balle) è sinonimo di ‘Lavoro’ e, senza offesa…

te, in vita tua, non hai mai avuto voglia di fare un cazzo!

38 visualizzazioni